Ridi, pagliaccio

10 Ottobre 2011 0 Di admin1

Ricordate nel 2009, quando il sindaco di Roma, seguendo l’esempio dell’ex primo cittadino di Firenze, ha annunciato un’ordinanza contro i lavavetri, i giocolieri e gli ambulanti fermi ai semafori? Allora si scatenarono polemiche feroci per l’inadeguatezza del provvedimento, che colpiva fasce già sufficientemente deboli. Ebbene, Repubblica ci racconta che oltre oceano, a Caracas, città grande come Roma Capitale, nella municipalità di Sucre (per avere un’idea diciamo il XX municipio) 120 artisti di strada, con guanti bianchi e visi colorati, diventano vigili urbani, segnalando le infrazioni degli automobilisti e sgridando i trasgressori del codice stradale. “L’iniziativa, organizzata dal sindaco della città, rientra in un progetto che ha l’obiettivo di formare buoni cittadini, facendo emergere da un percorso di educazione stradale, i valori del rispetto e della responsabilità tra pedone e conducente”. Un’idea semplice (e anche divertente, oltre che utile) che ha valicato silenziosamente l’oceano, attuando, in mezzosecondo, la famosa pietas, segno distintivo dei veri Romani.