A seguito, recente, attualmente. La riforma del condominio

3 Dicembre 2012 1 Di admin2

Le principali novità del nuovo regolamento di condominio riguardano la figura dell’amministratore, ma tra i requisiti richiesti per la nomina non c’è quello di buon comunicatore. Quindi nei nostri palazzi continueremo a trovare avvisi di questo genere.
“A seguito”, “recenti”, “attualmente”. Insomma, i lavori sono finiti o no?
Meno male che c’è l’evidenza dei fatti a colmare le lacune lingusitiche del mancato uomo di lettere. I lavori stanno “a carissimo amico…”! Da notare anche la scelta peculiare della segnaletica per indicare i lavori in corso… A quando la vera riforma del condominio?